mercoledì 9 giugno 2010

Primo Giorno di Libertà

Come promesso, sono tornata non appena è finita la scuola. Ora non ho pensieri, vivo come vorrei fare sempre. Oggi, Primo Giorno di libertà, mi sono perfino imposta di svegliarmi "presto" (un'ora e mezza dopo rispetto asl solito) e ci sono riuscita senza fare una piega. La mattinata, ovviamente, è stata occupata dallo shopping. Il pomeriggio, invece, sarà leggermente meno piacevole: visita medica URGENTISSIMA e poi mi posso godere Giulio per qualche ora. Il romanzo è progredito, sapete? In questi ultimi giorni mi ci sono messa e ora ho interrotto solo perchè mia madre ha perso la sua pennetta (quella per la memoria del computer) e IO ho dovuto comprarne una nuova. E certo, con la scusa che a lei serve per lavoro...
Comunque sia, oggi nei vari giri l'ho comprata e presto ricomincerò a scrivere. Vi terrò informati! =*
Au revoir!

5 commenti:

  1. La libertà è la cosa a cui l'uomo aspira, ma una volta liberi...non lo si è più, si è prigionieri di una libertà -monotona-.

    La sensazione più bella è quella di spezzare le catene e correre verso un'altro pugno di catene, da poter spezzare di nuovo.

    Sono contento che tu stia andando avanti col tuo lavoro. E ti faccio buone vacanze ^^

    RispondiElimina
  2. Il tuo concetto di libertà appare cinico, eppure è molto realistico.
    Non sono riuscita a commentare sul tuo blog, ma auguro buone vacanze anche a te!

    RispondiElimina
  3. Io il tuo commento l'ho visto, nell'ultimo articolo.

    Comunque nonostante io navighi molto con la fantasia, il mio concetto di libertà è realista (almeno per me)

    RispondiElimina
  4. Infatti io ho detto che è realista. E il commento sul tuo blog sono riuscita a farlo DOPO questo. xD

    RispondiElimina
  5. Che bello leggere degli sviluppi di una giovane scrittrice ;) anche a me piace molto scrivere, ma ho difficoltà nel trovare il tempo e l'ispirazione costante.. attendo! :)

    RispondiElimina